Volevano un maschietto... Dalla sottomissione alla libertà III
Givaudan, Anne

Volevano un maschietto... Dalla sottomissione alla libertà III

L’Autrice ci avverte: «È una testimonianza vera, non un romanzo, anche se è avvincente come un romanzo».
Gina ha il dono di vedere oltre le apparenze, un dono che le sconvolge la vita; ha però anche un ulteriore tratto distintivo, molto condizionante, che condivide con tante altre donne: i suoi genitori volevano un maschietto.

Questo la renderà inizialmente molto vulnerabile e manipolabile, pronta a tutto pur di sentirsi dire “brava”. Le sue straordinarie capacità e questa sua fragilità diverranno una miscela esplosiva, la trascineranno in un vortice di pericolosi contatti con… chi regge le fila delle guerre sul nostro pianeta. Da Dunkerque a Roma, da Kabul a New York, le ci vorranno incontri davvero sorprendenti per ritrovare finalmente l’autostima e le chiavi della propria missione in questa vita. Sèguito ideale di Dalla sottomissione alla libertà (composto fin qui da 2 volumi, come questo legati tra loro solo dai temi trattati), questo libro ci svela i giochi nascosti dietro al volto amabile del
potere planetario, ma anche il mondo delle donne che i loro genitori avrebbero voluto fossero maschi. Molte lettrici si riconosceranno, e molti lettori riconosceranno le donne che conoscono. È anche la storia di una guarigione che ci tocca tutti da vicino, uomini e donne: la riconciliazione con il principio femminile che, quando non lo riconosciamo, giace sepolto in noi.

Scopri la versione ebook a 9,99 euro.



Anne Givaudan, autrice o coautrice di 29 libri tradotti in molti paesi, ha fatto della sua capacità di uscire dal corpo un metodo di lavoro e di inchiesta, affrontando da quel punto di vista straordinario i temi più svariati. Quando ha iniziato a scrivere, parole come “viaggio astrale”, “uscita dal corpo” e “mondi del dopo-vita” erano espressioni esoteriche, riservate a pochi. Anne Givaudan ha avuto il merito di divulgare questi argomenti e di descrivere universi di cui forse avevamo il presentimento senza osare crederci. Si definisce “una reporter dai mondi sottili”, oltre ad essere una terapeuta dell’anima e del corpo. Parla di queste altre dimensioni, dell’aldilà o della vita su altri pianeti come qualcosa di ovvio, perché tale è per lei, in base alla sua esperienza.

Incontra l'autore su multimedia

240

12,75

Prezzo ridotto!

-15%

15,00 €

» Add to my wishlist

Ci sono 30 opere collegate a quella visualizzata:

Precedente
Successivo
  • ISBN:9788889382783
  • Pagine: 216
  • Inserti a colori: Non presenti
  • Copertina: Plastificata, quadricromia
  • Dimensioni: 14 x 20,5 cm
  • Rilegatura: Brossura
  • Titolo originale dell'opera: Ils voulaient un garçon
  • Traduzione di: Daniela Muggia
  • Anno di pubblicazione presso le Edizioni Amrita: 2010
  • INDICE

    Volevano un maschietto… 
     
    Cap. i - Gina continua… 
    Cap. ii - Avevo imparato a giocare da   sola… 
    Cap. iii - Assorbita dai dettagli della   mia vita
    Cap. iv - I mesi passavano… 
    Cap. v - Era tardi… o forse presto 
    Cap. vi - Nel frattempo, in un   hangar 
    Cap. vii - Gina è felice 
    Cap. viii - Lontano da Roma… 
    Cap. ix - Mi preparavo   all’incontro… 
    Cap. x - Il mio ‘lavoro’ cominciò già    il giorno seguente 
    Cap. xi - Molto lontano da lì… 
    Cap. xii - Era una giornata simile a   tutte le altre
    Cap. xiii - Sergio non era avaro di   informazioni 
    Cap. xiv - Quel tragitto in treno 
    Cap. xv - Non so se mi ero guadagnata la   fiducia… 
    Cap. xv - La vita è terribilmente   realistica 
    Cap. xvii - Dovevo recarmi in un posto   di frontiera 
    Cap. xviii - La scena si cancella 
    Cap. xix - Trascorsi qualche ora in attesa dell’elicottero 
    Cap. xx - Volavo, come mi era stato   detto,  in business class 
    Cap. xxi - Mi sorpresi a pregare 
    Cap. xxii - Finalmente il taxi si   fermò 
    Cap. xxiii - Non era il vento 
    Cap. xxiv - New York è una città   seducente 
    Cap. xxv - Eccolo lì 
    Cap. xxvi - Quale ostacolo le impedisce di realizzare i suoi sogni? 
    Cap. xxvii - Mi sentivo sempre   meglio